Indennità di malattia e degenza ospedali

Cara collega,

non ho risposte certe alle tue domande, non credo solo per mia o nostra incompetenza, ma perché penso che se troviamo abbondanti informazioni su come, dove e quando pagare i contributi, non sono curate con altrettanta solerzia le informazioni su come ricevere le prestazioni. Sta al singolo, alla parte interessata a percepirle, nel nostro caso al gruppo, informarsi e poi far valere le proprie ragioni.

- L’indennità viene corrisposta esclusivamente per i giorni di ricovero? Se sì, che ne è dei giorni di degenza a casa?

Penso che la degenza a casa rientri nell’indennità di malattia, prestazione prevista dal 1° gennaio 2007.

- in concreto, non capisco esattamente cosa devo indicare nel quadro C, dove si chiede di “indicare gli importi dei compensi o redditi lordi conseguiti nell’anno del ricovero e di quelli dell’anno precedente, sui quali è stato applicato il contributo.” (È quest’ultima specificazione che mi crea un po’ di confusione…) Come faccio a calcolarli? Cioè quelli dell’anno scorso sono già definitivi, ma quelli di quest’anno (l’anno del ricovero)?

Non so dirti bene. La richiesta d’indennità - per il ricovero ospedaliero - può essere fatta entro 180 giorni dalla dimissione, che abbia a che vedere con questo? I redditi di quest’anno puoi calcolarli in linea di massima o chiederli a tuo commercialista (mensili).

E nel quadro E cosa significa “indicare unicamente gli importi assoggettati a contributo maggiorato”?

Non ne ho idea.

Per l’indennità di malattia consulta, stampala e portala con te all’INPS.


http://servizi.inps.it/bussola/…/…/…

Dalla quale capisco che l’indennnità giornaliera di malattia (massima) per il 2007 è di 19,11 euro (vi ricordate quando chiedevo “quanti piccioli” ci
spettano?). Per il ricovero è previsto il doppio.

Al tuo posto mi rivolgerei anche al patronato INCA, porta però più documenti possibili con te (informazioni).

Penso tu non ne abbia bisogno, ma per la memoria collettiva, copio e incollo dal sito del Nidil e dell’INPS

L’INDENNITÀ DI MALATTIA IN CASO DI RICOVERO OSPEDALIERO

I requisiti per ottenere l’indennità
Per gli iscritti alla gestione separata è prevista un’indennità di malattia in caso di ricovero ospedaliero, a condizione che risultino versate almeno 3 mensilità contributive nei 12 mesi precedenti l’evento. Inoltre, il reddito individuale nell’anno precedente non deve superare il massimale contributivo (per il 2006 85.478,00 Euro) diminuito del 30%.
Per aver diritto alla prestazione è necessario che gli iscritti al fondo Inps gestione separata non siano titolari di pensione diretta o di reversibilità, e non siano contemporaneamente iscritti ad altri fondi di previdenza obbligatoria.

Le modalità di erogazione
L’indennità spetta per tutte le giornate di ricovero, presso strutture ospedaliere sia pubbliche che private, fino a un massimo di 180 giorni nell’anno solare (comprese le giornate di dimissioni dal luogo di cura e le festività).
Inoltre, in caso di ricovero presso strutture ospedaliere estere, l’indennità di malattia è dovuta per ogni giornata di degenza autorizzata o riconosciuta dal

Servizio sanitario nazionale.
In caso di day hospital, si avrà diritto alla prestazione solo se verrà riconosciuta un’effettiva incapacità lavorativa per l’intera giornata.

L’indennità economica giornaliera è calcolata sul massimale della contribuzione (per il 2006 85.478,00 Euro) diviso per 365 giorni, ed è dovuta per ogni giornata di degenza ospedaliera, nella misura del:

8% se sono stati versati contributi fino a 4 mesi;

12% se sono stati versati contributi da 5 a 8 mesi;

16% se sono stati versati contributi da 9 a 12 mesi.

Quindi, per l’anno 2006 l’indennità deve essere calcolata su 234,18 Euro (cifra che si ottiene dividendo l’importo del massimale, 85.478,00 Euro, per 365), e in base alle percentuali previste (8%; 12%; 16%) corrisponderà a:

18,73 Euro giornalieri se sono strati versati contributi da 3 a 4 mesi;

28,10 Euro giornalieri se sono strati versati contributi da 5 a 8 mesi;

37,47 Euro giornalieri se sono stati versati contributi da 9 a 12 mesi.

L’interessato deve presentare domanda all’Inps entro 180 giorni dalla dimissione ospedaliera.

La domanda deve essere accompagnata dall’autocertificazione dei redditi percepiti nell’anno precedente.

Indennità di malattia
A decorrere dal 1° gennaio 2007, ai lavoratori a progetto e categorie assimilate:
- Iscritti alla Gestione Separata;
- Non titolari di pensione;
- Non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie
è corrisposta un’indennità giornaliera di malattia a carico dell’INPS entro il limite massimo di giorni pari ad 1/6 della durata complessiva del rapporto di lavoro e comunque non inferiori a 20 nell’arco dell’anno solare, con esclusione degli eventi morbosi di durata inferiore a 4 giorni. Ai fini del riconoscimento di tale prestazione trovano applicazione i requisiti contributivi e reddituali già previsti per la corresponsione dell’indennità di degenza ospedaliera.
Tali requisiti sono:
- Nell’anno solare che precede quello in cui è iniziato l’evento, un reddito individuale assoggettato a contributo della Gestione Separata non superiore al 70% del massimale contributivo valido per lo stesso anno. La misura dell’indennità di malattia è pari al 50 per cento dell’importo previsto a titolo di indennità per degenza ospedaliera. L’indennità di malattia, in caso di degenza ospedaliera, va calcolata con percentuali diverse, a seconda della contribuzione attribuita nei 12 mesi precedenti il ricovero, sull’importo che si ottiene dividendo per 365 il massimale contributivo valido per l’anno nel quale ha avuto inizio l’evento.

In particolare l’indennità giornaliera è pari al:
- 8 per cento del suddetto importo, se nei 12 mesi precedenti la data di inizio del ricovero risultano accreditate da 3 a 4 mensilità di contribuzione;
- 12 per cento del suddetto importo, se nei 12 mesi precedenti la data di inizio del ricovero risultano accreditate da 5 a 8 mensilità di contribuzione;
- 16 per cento del suddetto importo, se nei 12 mesi precedenti la data di inizio del ricovero risultano accreditate da 9 a 12 mensilità di contribuzione.
Resta fermo, in caso di degenza ospedaliera, il limite massimo indennizzabile di 180 giorni nell’arco dell’anno solare.
Inoltre:
- Per la certificazione e l’attestazione dello stato di malattia valgono le disposizioni generali applicate alla generalità dei lavoratori;
- Risultano applicabili le disposizioni in materia di fasce orarie di reperibilità e di controllo dello stato di malattia previste per tutti i lavoratori dipendenti assicurati presso l’INPS.

PS: richiedete all’INPS il vostro estratto contributivo, per conoscere la situazione dei contributi versati.



0
Vote
Ti è piaciuto l'articolo “Indennità di malattia e degenza ospedali”?
Abbonati al feed RSS per seguirci articolo dopo articolo!

Lascia il tuo commento su “Indennità di malattia e degenza ospedali”

`

Subscribe without commenting

`

Related Posts

 

You need to log in to vote

The blog owner requires users to be logged in to be able to vote for this post.

Alternatively, if you do not have an account yet you can create one here.

Powered by Vote It Up