Traduzioni e turismo made in Italy: la risposta del Ministero

Il Ministero del Turismo risponde ai traduttori

La Segreteria del Ministero del Turismo ha dato risposta, il 17 febbraio 2010, autorizzandone la pubblicazione, alla segnalazione fatta dalla Presidente ANITI, Jennifer Lowe, riguardo alla proposta di lavori di traduzione a condizioni inique, comparsa su Proz la scorsa settimana e indicante come committente il Ministero stesso. Potete leggere la risposta della Segreteria del Ministro Brambilla sul sito www.aniti.it nelle news pubbliche.

La Segreteria insomma risponde:
- di non aver pubblicato direttamente l’annuncio e di non aver dato incarico ad altri di pubblicarne;
- di aver presentato denuncia contro ignoti perché l’annuncio riportava informazioni non veritiere sul Ministero.

Non dice nulla sulle modalità della gara d’appalto, se c’è stata, o sui criteri di selezione delle agenzie di traduzione per il conferimento dell’incarico: la traduzione delle pagine del portale nazionale del Turismo: www.italia.it.



2
Vote
Ti è piaciuto l'articolo “Traduzioni e turismo made in Italy: la risposta del Ministero”?
Abbonati al feed RSS per seguirci articolo dopo articolo!

Lascia il tuo commento su “Traduzioni e turismo made in Italy: la risposta del Ministero”

`

Subscribe without commenting

`
 

You need to log in to vote

The blog owner requires users to be logged in to be able to vote for this post.

Alternatively, if you do not have an account yet you can create one here.

Powered by Vote It Up