ritardi di pagamento in Italia | pagamento a 60 giorni | pagamento a 90 gg. | abitudini di pagamento | italia | agenzie di traduzione | ritardo di pagamento



Ritardi di pagamento in Italia

Gran parte delle agenzie di traduzioni in Italia si permette di pagare i traduttori a 60 giorni e anche a 90 giorni, se va bene!

Discussione in lista, aprile 2007: "pagamenti sempre più tardivi"





Sarà proprio vero che con gli anni si diventi più spigolosi? Oggi ho mandato una rispostaccia ad un cliente, mi sa che me li sono giocati... ;-)))

Ma non ritengo davvero di poter campare con un "pagherò" a 105 gg. Ma sono io la difficile o sta peggiorando la clientela (ci lavora da nni con questi e li definerei "seri", anzi, fino ad oggi li avrei definiti così)?

"Come già noto al Vs. ufficio contabile, non lavoro assolutamente a questi termini di pagamenti che proponete (90 gg data fattura + 15 gg). Con la maggioranza dei miei clienti ho un accordo di 30 gg fmdf, mi pare che vi avevo accordato 75 gg, che però, alla luce di spese sempre maggiori ed IVA da anticipare, non ritengo più accettabili. Proprio per motivi di IVA ecc. ho decisi di non accettare più lavori dai committenti che non accettano inanzittutto la fattura pro forma, e poi, visto che io di questo vivo: Lei, che fa l'impiegata, accetterebbe di essere pagata, cioè ricevere lo stipendio, con 4 mesi di ritardo? (Mettiamo che faccia un grosso lavoro per voi a giugno, consegna il 27: non vedo perché io debba versare io l'iva per voi con largo anticipio, per poi essere saldata a metà novembre).
Sorry, sembrerò poco collaborativa, ma ho avuto un'agenzia di traduzioni e so esattamente di cosa stiamo parlando, e non trovo affatto carino il Vs. modo di trattare i traduttori, e Vi rammento che senza la loro "manodopera", la Vs. agenzia non esisterebbe.

Augurandovi buona giornata, ma rifiutandomi di fare parte di questo sistema, invio cordiali saluti, ringrazio per la collaborazione passata, ma non credo si svilupperà ulteriormente."


Secondo me non hai esagerato. Io faccio sempre questo esempio: quando chiami un idraulico o un elettricista e per un intervento di 30 minuti ti chiede la chiamata più non so quanto per il lavoro, è OVVIO che si paghi subito. E così è con la maggior parte dei servizi che ogni giorno utilizziamo. Dunque non capisco come mai i traduttori vengano trattati come dei venditori all'ingrosso. Proprio oggi io ho imposto un pagamento a 30 gg fmdf opponendomi al 60 gg. Sono assolutamente dalla tua parte.

Noto tra l'altro che all'estero al massimo ti pagano a 40 gg, per cui non capisco perché le agenzie italiane debbano avere queste usanze così poco professionali, quando sappiamo tutti che le agenzie italiane lavorano per agenzie e/o clienti stranieri.

Buon proseguimento,


...vedo, e mi fa piacere, che non sono solo io a incavolarmi a volte e mandare email severi ad agenzie, quando mettono condizioni di pagamento ed altre condizioni assurdi. A volte come se fossi una scema che devono educare a fare il lavoro da traduttrice e poi anche che bisogna aspettare a volte 4 mesi per vedere un euro. Alcune agenzie sono carine e cercano di venirti incontro e altre no, queste ultime forse allora e' meglio perderle anziche' litigare. Ho qualche agenzia ancora che paga a 90 gg, ma quasi solo perche' mi danno tariffe molto buone e so che pagano a 100 gg e non a 120 o 140 gg come a volte succede con questi che dicono di pagare a 90 gg. Ma non accetto nuove agenzie se non pagano a 30 o massimo 60 gg.

Quindi, ||||| a volte bisogna arrabbiarsi, senno' ci trattano male.:-)

A presto,


Hai fatto benissimo |||||. Sono condizioni incredibili che vengono proposte sempre più di frequente dalle agenzie italiane. Fortuna che io lavoro per l'estero! Al di là della questione IVA, che già di per sé è rocambolesca, che succede quando emetti una fattura a dicembre e il pagamento ti arriva tre mesi dopo (ovvero nel nuovo anno fiscale)? In questi casi il commercialista può anche impazzire e tu ti trovi a doverti raccapezzare tra le certificazioni della ritenuta d'acconto che non si riferiscono allo stesso anno in cui è stata emessa la fattura. Non so se mi spiego.... Se accettassimo da tutti queste condizioni penso proprio che dovremmo imparare a fare i salti mortali anche dal punto di vista contabile. Quindi, sono d'accordo con te, BRAVO!


io ti do ragione in pieno: proprio oggi mi è stata saldata una fattura risalente al 15 dicembre dell'anno scorso e se non gli fossi stata addosso forse me lo sospirerei ancora. Sono stufa, stufa di questo trattamento, stufa di annunci perentori contrari ad ogni accordo, di sconti estorti a lavoro consegnato, e sinceramente anche dei percentuali da Trados anche se per molti sembrano perfettamente naturali e accettabili. Io vivo di questo lavoro da oltre 25 anni di cui da 10 in Italia, e devo dire che la situazione sta peggiorando. I miei prezzi li sto proteggendo con le unghie e con i denti e se nel 96 a 120 giorni pagavano soltanto i giornali e i ministeri oggi sta diventando anche questo normalità. Alla faccia del decreto contro i pagamenti tardivi. Una mia cliente è scappata con i miei soldi, io so dove ha il suo nuovo ufficio ma non posso nemmeno telefonarle perchè sarebbero molestie!!! Nemmeno il curatore fallimentare riesce a rintracciarla mentre sta facendo affari con le Regioni! Alla faccia della legge secondo cui i falliti non possono partecipare in appalti pubblici!

Mah. Ma cosa bisogna fare per farli tornare a rispettare almeno le leggi, senza tirare in ballo la moralità? Di Pietro ha iniziato un processo che è finito nella sabbia, e l'etica professionale è scesa a livelli da miniera. Se i furbetti del quartierino possono farla franca, perchè proprio i nostri clientucoli non dovrebbero provarci a farci fessi? Che tristezza.


BRAVA, brava, brava! Io sto telefonando da due settimane oramai a due agenzie che non hanno ancora saldato i conti da dicembre! Mi sento un verme quando in realtà chiedo quello che mi spetta e che ho guadagnato onestamente! Ho sentito da alcuni colleghi che inizieranno a lavorare facendosi pagare in anticipo. E' possibile? Niente soldi, niente traduzione?? Mi sembra assurdo, ma forse è proprio quello che ci vorrebbe.


Giustissime osservazioni, anche se ritengo che difficilmente una fattura emessa in dicembre venga pagata nel dicembre dello stesso anno........ Sarà anche una situazione rocambolesca, ma tutti gli anni ho fatture anche del mese di novembre che vengono pagate nell'anno successivo, ma è compito della commercialista tenere dietro a tutto quanto secondo il principio di cassa (mi pare si chiami così.....).


Sì sono stata riduttiva. Ovvio che se il pagamento è a 90 giorni, la stessa condizione è applicabile anche alle fatture di ottobre e novembre. Quindi abbiamo ottobre, novembre e dicembre da inserire nell'anno fiscale successivo :-S non mi sembra un buon modo di organizzarsi.


Cari colleghi, generalmente quando un'agenzia mi propone un pagamanto assurdo tipo 150 gg., spiego che i miei figli non mangiano a 150 gg. ma giornalmente.
Purtroppo anche quando si cerca di "tirare" sui termini di pagamento, ho notato che un'agenzia puo' anche accettare, mai poi alla fine paghera' quando le pare, le scuse si trovano senza troppi problemi : "non abbiamo ricevuto la fattura, la rimandi" "Ah, ma per il pagamento deve mandarla per posta" - che naturalmente va persa -, "ah ma per i pagamenti non deve scrivere a me. Ho girato la sua lettera al contabile" - che non risponde e qiondi devi riscrivere per fartoi dare l'e-mail del contabile e via perdendo tempo.....

Ma la cosa piu' triste e' la difficolta' e il costo eccessivo che comporta un recupero crediti e le agenzie lo sanno; sanno che nessuno perderebbe tempo e denaro per certe cifre e ci marciano. Protestare......e con chi? Siamo traduttori, non tassisti. Buona giornata


Quello che dice ||||| e' vero, ma se si tratta di un'agenzia seria, in genere, rispetta un termine concordato. Ho trattato con due agenzie ultimamente che pagano con il termine di pagamento di 90 gg - mi hanno concesso il pagamento a 60 gg e adesso mi pagano puntualmente a 60 gg. Conosco altre agenzie che hanno termine di pagamento a 60 gg ma pagano a 90 o anche 105 gg, ma in genere sono agenzie piccole di una persona sola o sono un poco serie. Io trovo che agenzie serie vogliono tenersi strette i loro traduttori regolari e sono disposte a trattare per accontentare tutti.

Non perdiamo la speranza! E' possibile migliorare la situazione!


Beh, qualcosa si può fare:

1. Non accettare fin dall'inizio di lavorare con agenzie che hanno tempi di pagamento diversi da quelli che intendiamo applicare

2. Rompere i rapporti se fanno finta di accettare i nostri termini e poi la tirano per le lunghe...naturalmente spiegando chiaramente il motivo per il quale non si intende più collaborare: a volte capitolano

3. Chiedere come si sentirebbero se accettassimo una data di consegna del lavoro e poi glielo facessimo avere con 15 giorni di ritardo perché abbiamo avuto di meglio da fare...

4. Iniziare a rompere l'anima 7 giorni prima della scadenza del pagamento, in modo che abbiano tutto il tempo per far presenti eventuali problemi ed effettuare il pagamento entro i termini

Questo quando le cose "non funzionano". Quando funzionano, si propongono i propri termini e si arriva a un accordo. Va poi considerato che 10 giorni di ritardo sono "tollerabili". L'importante è che non si vada oltre e che, soprattutto, si smettano di accettare termini che vanno oltre i 30-60 giorni, che a me sembrano già generosissimi. Se l'agenzia non riesce a pagare i traduttori in tempo e non riesce a farsi pagare dal suo cliente nel giro di un mese, per me ha qualcosa che non va...ma il problema è tutto suo e non mio. A ognuno la sua parte.


Cari tutti, sarà lo stress, ma questi famosi "10 giorni di tolleranza" proprio non mi vanno giù. In Italia sembra una regola talmente accettata da tutti che i clienti si meravigliano delle mie obiezioni. Comunque "carta canta" e sul mio estratto conto non posso non notare che i pagamenti esteri (nel mio caso da Stati Uniti, GB, Germania, Francia, Svizzera, Danimarca, Svezia, Finlandia e Belgio) di fine mese arrivano con valuta fine mese, max. 2-3 del mese successivo in quanto effettivamente questi signori prendono sul serio la dicitura "fine mese", mentre anche i miei migliori clienti italiani non mi pagano quasi mai prima del 5-6 con valuta 10-15 del mese successivo. Se poi aggiungiamo che molte agenzie estere prevedono la fatturazione ogni 15 giorni e pagamento a 30 gg data fattura, c'è una differenza enorme. Esempio: lavoro per un cliente danese e per uno italiano consegnando all'inizio di aprile. Il pagamento dalla Danimarca arriverà puntualmente intorno al 15 maggio, mentre quello italiano mi pagherà intorno al 10-13 di luglio!!

Io consiglio a tutti di essere meno disponibili e comprensivi con i committenti e lavorare solo con chi ci rispetta come professionisti e come persone!!! Solo in qusto caso c'è una speranza che possa cambiare questa "cultura" .... (scusate, non mi viene un aggettivo che mi è consentito scrivere in questo forum....).

E poi guardiamo all'estero: è vero che il cliente è più lontano, ma vi assicuro che non ho mai speso neanche un centesimo per sollecitare un pagamento.

Buona giornata a tutti!


Grazie a tutti,
devo dire che le vostre risposte mi hanno tirato su il morale, la frase più bella, che mi vorrei rivendere, con buona pace di |||||, è "generalmente quando un'agenzia mi propone un pagamento assurdo tipo 150 gg., spiego che i miei figli non mangiano a 150 gg. ma giornalmente."

Se normalmente non mi faccio molti scrupoli con clienti "sfacciati", devo dire che questi erano buoni, e quindi mi dispiace, però se il mercato italiano deve andare in questa direzione, cambierò mestiere!!!

Stragrazie ancora della vs. solidarietà!


Salve a tutti in lista, Sono piu' di vent'anni che faccio traduzioni e non ho mai avuto questi problemi, tranne che l'anno scorso con un'agenzia molto nota in Italia. Il lavoro era abbastanza grosso e ovviamente, di tempo a disposizione per farlo, pochissimo ... Passano i 90 giorni e non c'e' alcun segno di un pagamento. Le mie trattative con il titolare sono diventate piuttosto sgradevoli perche' ho "osato" menzionare che il termine pattuito era di 30 giorni e c'era una legge in Italia che mi assicurava i pagamenti non oltre i 90 giorni. Il "gran signore", che oltretutto ho trovato molto poco professionista, mi ha addirittura minacciata dicendo che mi avrebbe denunciata ai Carabinieri. Il pagamento l'ho avuto ma per altro lavoro non si sono fatti piu' sentire. Questo non mi dispiace affatto perche' da noi le agenzie pagano tutto il lavoro fatto entro la fine del mese in corso e i clienti diretti poi ... ti danno i soldini subito, subito ... zan, zan ... :-))

Detto questo, avrei una domanda per voi. Non mi direte che le agenzie in Italia aspettano ben 90 giorni per essere pagate dai loro clienti?


Mi associo ad |||||, a me è capitata la stessa cosa, e anch'io credo di aver perso il cliente per aver osato menzionare la legge. Non è che mi dispiaccia più di tanto, gente così è meglio perderla che trovarla. Ma osservo un comportamento dilagante tra i colleghi che piano piano ci fanno il callo, non discutono affatto, basta che alla fine paghi (come se ci facesse un piacere), e non vorrei passare a poco a poco dalla parte del torto! Difatti alcuni clienti già mi rispondono stizziti dicendo che sono l'unica ad obbiettare, va bene a tutti, perché a me no?
Rendiamoci conto che noi non abbiamo nessuna scusa se consegniamo il lavoro con una giornata di ritardo, che un'agenzia che riesce a pagare il lavoro soltanto dopo che il cliente ha pagato a sua volta ha grossi problemi quantomeno organizzativi, che il nostro comportamento rinunciatario non ci rende più simpatici ma solo più sfruttabili agli occhi dell'agenzia/cliente. Vorrei un elenco di altri settori di servizi in cui è permesso pagare in ritardo. O meglio, ditemene uno, perchè a me non mi viene in mente proprio nessuno.


Io invece lo vedo strisciante dappertutto questo comportamento di pagare con enorme ritardo e sento anche in altri settori (qui a Nord di Milano) gli stessi problemi.
Penso che oramai siamo arrivati a un punto di non-ritorno.

Le difficolta' che hanno le varie imprese non si possono piu' nascondere.
Il salasso fiscale va avanti, le rapine estreme in zona anche ecc. ecc. I furfanti idem.

Secondo me si dovrebbe arrivare prima o poi al cash contro traduzione. Penso che saremmo piu' contenti tutti.


...esiste un problema oggettivo alla possibilità che il cliente paghi la fattura "a vista" al momento della consegna del materiale. Sarebbe infatti impensabile non dare al cliente un minimo di tempo per controllare che il lavoro sia stato condotto secondo le sue istruzioni e che soddisfi la qualità richiesta. I 30 giorni, quindi, sono dal mio punto di vista giustificati soprattutto se, come la maggior parte di noi, gestiamo progetti di mole non proprio esigua che possa essere rivista in una settimana.

Certo, potremmo istituire una norma tipo "soddisfatti o rimborsati" che potrebbe consentire al cliente di rivalersi entro tot giorni dalla consegna ma credo che questo genererebbe un caos ulteriore che non servirebbe


Cash contro traduzione, conti sotto il materasso, class action contro tutti i disservizi, il ritorno alla pensione non contributiva, insomma un degrado generalizzato permesso anche dai nostri voti.
Perché il salasso non viene solo dal fisco ma anche dalle bollette, dai servizi e disservizi del nostro paese, dalla privatizzazione dell'acqua, dal rackett della telefonia mobile, fissa, internet, la distribuzione del gaz, dell'elettricità, dall'aumento delle autostrade, dei treni, dei trasporti pubblici, e dalle banche mafiose.


Salve a tutti in lista, Sono piu' di vent'anni che faccio traduzioni e non ho mai avuto questi problemi, tranne che l'anno scorso con un'agenzia molto nota in Italia. Il lavoro era abbastanza grosso e ovviamente, di tempo a disposizione per farlo, pochissimo ... Passano i 90 giorni e non c'e' alcun segno di un pagamento. Le mie trattative con il titolare sono diventate piuttosto sgradevoli perche' ho "osato" menzionare che il termine pattuito era di 30 giorni e c'era una legge in Italia che mi assicurava i pagamenti non oltre i 90 giorni. Il "gran signore", che oltretutto ho trovato molto poco professionista, mi ha addirittura minacciata dicendo che mi avrebbe denunciata ai Carabinieri. Il pagamento l'ho avuto ma per altro lavoro non si sono fatti piu' sentire. Questo non mi dispiace affatto perche' da noi le agenzie pagano tutto il lavoro fatto entro la fine del mese in corso e i clienti diretti poi ... ti danno i soldini subito, subito ... zan, zan ... :-))

Detto questo, avrei una domanda per voi. Non mi direte che le agenzie in Italia aspettano ben 90 giorni per essere pagate dai loro clienti?


Ciao a tutti e scusate la domanda forse scema, ma perché continuate a lavorare con gli italiani?
Io ho solo un cliente italiano, e lo mantengo solo perché mi offre traduzioni di prestigio e/o interessanti, visto che paga a 90 giorni e oltre.
Gli altri sono tutti non italiani e non ho di questi problemi.


per i reclami naturalmente si mette una clausola. Come nel commercio: se ci sono dei difetti entro 8 gg. puoi reclamare. Basta. Qui non si tratta di definire cose come queste. Si tratta di cambiare il sistema di sfruttamento oggettivo degli intellettuali italiani e non.

E' il problema di mangiare ogni 60,90, 150 gg. o ogni giorno ;-).

Se tutti accettassero i 30 gg. non avrei detto niente. Io personalmente ho solo un cliente fisso che paga a 30 gg. Per il resto o si corre dietro, o si perde o si deve accettare quando vuole il cliente... Ai noi i clienti dicono per quando vogliono la traduzione, quanto vogliono pagare e quando vogliono pagare. Mi sembra una semi-assurdita' del sistema.

Prova a farlo quando vuoi 1 kg di pane. Un caro saluto a tutti,


Forse e' il caso di stabilire nuove regole di pagamento per il paese - tipo: il prodotto (nel nostro caso la traduzione) resta di proprieta' (non solo intellettuale) mia finche' non e' pagato al 100% entro il giorno x.

Pubblicazione, uso, ecc. completamente vietati fino a pagamento avvenuto.

Questo costringerebbe anche le agenzie a muoversi diversamente.

Prima o poi bisogna pure inventare qualcosa per vedere il panino prima del tramonto.

Si ma qui viene a galla anche un altro problema (che semplicemente non so come si possa risolvere), molte delle agenzie che conosco in Italia (e non solo, purtroppo), preferiscono ricorrere a novelli, a persone che sono "affamate" di lavoro, e se la godono perche possono imporre allora le loro condizioni...

Anche io in principio non lavoro con agenzie Italiane, solo nel caso di lavori importanti altrimenti lavoro con clienti che mi pagano a 30gg.


Comunque molto dipende anche dalla mancanza di educazione finanziaria, vale a dire la capacità di gestire bene le proprie finanze.
Molti, e non solo le agenzie, pensano di guadagnare chissa quali interessi ritardando i pagamenti. E' un cash management da pezzenti perché quando fai aspettare il tuo fornitore è come se gli imponessi di farti uno sconto, con il risultato che quelli bravi non li vedi più.
Io da poco ho dovuto abbandonare un cliente (una rivista d'arte) - che mi deve ancora alcune migliaia di euro, e che conto di recuperare quanto prima - non tanto perché mi faceva aspettare per i pagamenti ma perché a un certo punto mi sono sentito demotivato a dare quel tanto in più che fa la differenza fra chi si sforza di essere eccellente e chi invece tira via la giornata.
L'ho abbandonato proprio per non farmi trascinare nel fango della mediocrità. E' un processo molto semplice, che vale in tutti i campi.
I miei due cents,


Secondo me andiamo anche nel nostro campo sempre piu' in direzione "fuga dei cervelli".
Anch'io continuo ad abbandonare agenzie o loro me perche' o loro non pagano piu' nei termini concordati o io ho alzato la cartella di 1 Euro e allora costo "troppo" (s'intende la tariffa "normale" per l'italia che e' fra le piu' basse in Europa).

Se lavorare come traduttore in Italia vuol dire fare la fame, avere continuamente gente che puo' pestarti i piedi attraverso il non-/ritardato pagamento e allora preferisco cacciare il cibo altrove.


Testi | Discussioni | Link |

Webdesign e ottimizzazione: nofactory.eu :: The Checklist per traduttori freelance: risorse ed informazioni per liberi professionisti, forum e mailing list